Pubblicato in: La nostra voce

Intervista a Orsola

1) Cos’è l’Alternanza Scuola- Lavoro?

L’ Alternanza Scuola- Lavoro è il nuovo modello di apprendimento,obbligatorio per tutti gli studenti, che permette ai ragazzi della scuola secondaria superiore, di età compresa tra i 15 e i 18 anni, di svolgere il loro percorso di istruzione mettendo in pratica le proprie conoscenze presso un’ ente del territorio o un’ azienda. Per far sì che ci sia un costruttivo raccordo tra l’attività di formazione svolta nella scuola e quella realizzata in azienda, il tutor didattico, ossia un docente proposto dalla scuola, svolge il ruolo di assistenza degli studenti e verifica il corretto svolgimento del percorso in Alternanza, con la collaborazione del tutor aziendale, proposto dai soggetti esterni, che favorisce l’inserimento dello studente nell’azienda, lo assiste nel percorso di formazione sul lavoro e fornisce alla scuola ogni elemento utile a verificare e valutare le attività dello studente.

2) Cosa rappresenta per te l’alternanza?

Per me l’alternanza rappresenta un esperienza utile all’apprendimento pratico nel mondo del lavoro, è la prima esperienza lavorativa e ti permette, con l’aiuto dei tutor, di mettere in pratica ciò che si è imparato nell’ambito scolastico.

3) Perché in un museo? Quali competenze pensi siano necessarie per lavorare in un museo?

Ho scelto di fare la mia esperienza di alternanza in un museo perché frequentando un scuola legata al turismo e all’arte non poteva esserci esperienza migliore che quella in un museo, dove bisogna avere conoscenza delle lingue e nozioni sull’arte. Questa esperienza al museo è servita per l’arricchimento del mio bagaglio personale mettendomi in contatto e interagendo con i visitatori del museo di tutte le età come i bambini che hanno frequentato i campus settembrini, famiglie e gruppi con guide turistiche.

4) Ultimamente ci sono molte polemiche sull’alternanza, in particolare per lo sfruttamento del lavoro. Hai seguito queste polemiche? Pensi sia vero?

Nel mio caso non è stato affatto così ma alcuni miei compagni sono stati sfruttati, come ad esempio una mia compagna che, lavorando in un’albergo, ha svolto delle mansioni che non doveva svolgere come pulire le camere, annaffiare i fiori e facendo più ore di quelle che avrebbe dovuto fare.

5) Dopo questa prima parte dell’esperienza, pensi di aver cominciato ad imparare il lavoro al museo o pensi di aver acquisito o rafforzato delle competenze?

Dopo questa esperienza penso di aver acquisito alcune competenze, ma non sono ancora in grado di svolgere autonomamente il lavoro in un museo perché soltanto con gli anni e molto studio ancora sarò in grado di avere piena autonomia in un museo.

6) Consiglieresti a qualcuno l’esperienza di alternanza al museo?

Consiglio vivamente di provare il periodo di alternanza al museo essendo un’ esperienza molto bella e istruttiva, utile all’arricchimento delle competenze personali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...