Pubblicato in: La nostra voce

La mia esperienza

IL museo Be Go mi è piaciuto ,è stata una bella esperienza didattica. le tre operatrici che sono delle donne fantastiche Alice,Stefania e Valentina sono state sempre disponibili per tutto,mi hanno aiutato sempre quando avevo bisogno,nel museo ho imparato tante cose nuove che non sapevo.Nel primo periodo che sono venuta ho incontrato diverse classi di bambini che sono venuti a visitare il museo e noi li abbiamo accolti insieme alle operatrici e insieme a un compagno che ho in classe che si chiama Alessio,gli abbiamo fatto visitare tutto il museo e gli abbiamo fatto fare dei lavori:i laboratori didattici.Durante il giorno venivano anche dei turisti per visitare il museo e io e Alessio davamo loro il biglietto per entrare,che era per persona £3 e ci siamo stati per 2 settimane poi c’è stata una mostra sempre qui al Be go siamo venuti in divisa abbiamo insistito sull’inaugurazione della mostra per tutto il pomeriggio. Nel secondo periodo ho conosciuto quattro ragazze (due erano dell’istituto Roncalli di Poggibonsi  e due dell’istituto Enriques, indirizzo Grafico Pubblicitario) con cui ho fatto amicizia. Durante tutto il periodo ho aiutato le tre operatrici del museo quando avevano bisogno (al bookshop  e alla biglietteria). con Valentina Corsoni (addetta alla segreteria del museo) ho poi fatto l’inventario dei volumi in vendita,cioè ho cercato i libri nella libreria, quelli che mancavano scrivevo che non c’era oppure che c’era. Insieme alle due ragazze del grafico abbiamo anche preparato i materiali per le attività didattiche così quando i bambini quando venivano era tutto già pronto per lavorare. in queste due settimane sono arrivati anche dei turisti per visitare il museo e gli è piaciuto gli ho dato anche il biglietto quando sono entrati.Questa esperienza mi è piaciuta molto e spero di tornare al più presto.Un abbraccio a Alice,Stefania e Valentina

Marjeta Kapllani

Pubblicato in: La nostra voce

TEEN FOR CULT.

Noi ragazzi che gestiamo questo blog, sabato 10 giugno alle ore 10.30, al Ridotto del Teatro del popolo, esporremo il nostro progetto di alternanza scuola-lavoro.

Parleremo di un tema attuale, un’esperienza ricca e importante ma da molti ritenuta uno spreco di tempo. Abbiamo progettato, curato e organizzato questo evento per:

  • dimostrare che il nostro percorso è stato formativo, costruttivo ma anche divertente e stimolante mettendo a frutto tutte le competenze acquisite
  • spezzare i pregiudizi che riguardano i musei e i giovani
  • promuovere un approccio all’apprendimento basato sul “fare”
  • valorizzare il ruolo che il museo ricopre sul territorio e all’interno della comunità
  • condividere la nostra esperienza
  • restituire ai nostri istituti il lavoro che abbiamo svolto

Abbiamo scelto un approccio teatralizzato e divertente per riuscire a essere efficaci con un pubblico di nostri coetanei. Tra breve vi racconteremo anche come è andata!

Pubblicato in: La nostra voce

Intervista a Lorenzo

  • Cos’è l’alternanza scuola lavoro?

L’alternanza scuola lavoro è un percorso didattico che consiste nell’offrire esperienze e competenze spendibili in ambito lavorativo di modo tale da formare un determinato ragazzo (principalmente dai 15 ai 19 anni) e farlo agire in contesti diversi, cioè nel farlo abituare a spaziare da un ambiente scolastico ad uno aziendale. Continua a leggere “Intervista a Lorenzo”

Pubblicato in: La nostra voce

Intervista a Beatrice

1- Cos’è l’alternanza scuola lavoro?

L’alternanza scuola lavoro rappresenta un  modo per giovani studenti, di farsi un’idea di quello che è il mondo del lavoro.

2- Cosa rappresenta per te l’alternanza scuola lavoro?

Per me l’alternanza scuola lavoro rappresenta un’opportunità per iniziare a guardarmi intorno nel mondo del lavoro e per rapportarmi meglio e con responsabilità ai doveri che ne derivano. Continua a leggere “Intervista a Beatrice”

Pubblicato in: La nostra voce

Intervista a Giulia

1) Cos’è L’alternanza scuola lavoro?

Credo che l’alternanza scuola lavoro sia un modo per i giovani studenti  di entrare a far parte, e farsi un’idea, di quello che è il mondo del lavoro.

2) Cosa rappresenta per te?

Per me rappresenta proprio questo. Essendo abituata solamente all’ambito scolastico mi sono fatta un’idea di com’è un altro mondo dove presto dovrò entrare e di quali sono le sostanziali differenze. Cambiano le modalità con cui affrontiamo  le cose in tutte e due gli ambiti, come vieni giudicato e soprattutto il comportamento che hai. Continua a leggere “Intervista a Giulia”

Pubblicato in: La nostra voce

Intervista a Orsola

1) Cos’è l’Alternanza Scuola- Lavoro?

L’ Alternanza Scuola- Lavoro è il nuovo modello di apprendimento,obbligatorio per tutti gli studenti, che permette ai ragazzi della scuola secondaria superiore, di età compresa tra i 15 e i 18 anni, di svolgere il loro percorso di istruzione mettendo in pratica le proprie conoscenze presso un’ ente del territorio o un’ azienda. Per far sì che ci sia un costruttivo raccordo tra l’attività di formazione svolta nella scuola e quella realizzata in azienda, il tutor didattico, ossia un docente proposto dalla scuola, svolge il ruolo di assistenza degli studenti e verifica il corretto svolgimento del percorso in Alternanza, con la collaborazione del tutor aziendale, proposto dai soggetti esterni, che favorisce l’inserimento dello studente nell’azienda, lo assiste nel percorso di formazione sul lavoro e fornisce alla scuola ogni elemento utile a verificare e valutare le attività dello studente. Continua a leggere “Intervista a Orsola”